giovedì 2 giugno 2011

Recensione cinematografica: Hereafter


Su questo film ho molto da dire...forse perchè so di viverlo in modo particolare.
Partiamo dalle aspettative: quando ho visto il trailer al cinema mi ha subito emozionata...direi "per forza di cose" siccome era da poco morta la mia mamma e il film si presentava come una forte volontà di contatto con le persone care defunte e, in quel momento (ma anche ora purtroppo), ne sentivo disperatamente anche io il bisogno. Ma non l'ho guardato al cinema, principalmente perchè sapevo che mi avrebbe emozionata forse troppo e non volevo uscire dal cinema con 2 pomodori al posto degli occhi e poi anche perchè sospettavo non fosse il genere di film per Marco o che comunque non apprezza guardare al cinema.
Quindi l'ho noleggiato ieri sera e lo abbiamo guardato.
Diciamo che è carino, mi aspettavo qualcosa di più incisivo dal punto di vista del contatto con l'aldilà ma tutto sommato è carino.
Il film trasmette comunque l'angoscia di chi resta e io la conosco bene, quel bisogno devastante di rimetterti in contatto con chi hai perso per poter un'ultima volta parlargli, toccarlo, abbracciarlo e baciarlo e magari anche chiedere perdono. Ma è anche la storia di chi, con una sensibilità tutta particolare (che non credo esista) fa da tramite, una storia non facile che nel film viene spiegata molto bene perchè se esistono davvero persone (non ciarlatani) che hanno questo reale potere non è detto che si sentano bene, probabilmente non lo ritengono un dono ma più una prigione.
Lo consiglio, credo sia un film che ogni persona può vivere diversamente quindi molto particolare per questo.
Alla prossima!





LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...