mercoledì 2 ottobre 2013

L'allattamento

Per la serie "I consigli di mamma Ventu" oggi voglio parlarvi di allattamento (su richiesta di Fiorellina84).

Credo che l'allattamento sia parte integrante dell'essere madre, consiglio vivamente ad ogni futura mamma di allattare, di non escludere a priori questa eventualità (giuro che al corso pre-parto c'era una ragazza che chiedeva come funzionano le pillole per farsi andare via il latte)
Credo che sia disumano negare questo piacere e questa necessità ad un bambino appena nato ma questa è la mia opinione.
Certo può succedere che la natura remi contro e non si POSSA allattare e su questo non possiamo farci nulla.
So per esperienza personale che può diventare anche doloroso e frustrante allattare ma è una coccola così profonda con il proprio bambino che una volta tolta vi garantisco vi mancherà tantissimo.
Vediamo quali possono essere i problemi che una neo-mamma può incontrare (che ho vissuto io in prima persona):
Ti vengono le ragadi.
Ahi ahi e ancora ahi! Fanno un male cane lo so.
Se ti vengono é perché il bambino non si sta attaccando bene, solo ed esclusivamente per questo motivo, lascia stare tutte le altre chiacchiere.
L'unico e dico l'unico modo per farle passare é correggere l'attacco; anche qui lascia stare le altre chiacchiere.
Ma ovviamente é meglio prevenire che curare quindi l'unico consiglio che vi do é di farvi guardare da una buona ostetrica ( già in ospedale nelle prime poppate ) come attaccate il bambino e permetterle di correggervi se ce ne fosse bisogno.
Nel mio caso, per esempio, nonostante le ostetriche dell'ospedale fossero gentilissime e molto disponibili probabilmente non hanno guardato bene come lo attaccavo perché mi dicevano che era attaccato bene ma poi mi sono venute le ragadi e solo una volta a casa ho capito cosa sbagliavamo ( io e il mio topino).
Il mio bambino teneva la bocca troppo chiusa, la posizione era perfetta ma tenendo la bocca semi aperta e non spalancata non prendeva abbastanza areola e questo mi causava dolore e piaghe.
Quando l'ho capito tutto si é risolto incredibilmente.
Pochi consigli, più che altro palliativi nel caso dovessero venirvi: dopo la poppata cospargete il capezzolo del vostro latte e lasciatelo asciugare completamente all'aria. Il vostro latte ha proprietà cicatrizzanti e vi aiuterà, non lasciateli mai umidi (come chi? I capezzoli no!)
Attaccate il bambino ad un solo seno per poppata ( io ho allattato con successo il mio Max dandogli sempre e solo una tetta per volta), darete più tempo all' altro seno per riprendersi.
Cambiate posizione di allattamento ad ogni poppata: a culla, a rugby, distesi uno di fronte all'altro.
Se dovessero sanguinare non preoccupatevi, non compromette il latte, potete allattare comunque, non fa male al bambino ( il mio ha il rigurgito e quando ho visto che rigurgitava sangue, pochino eh, mi é venuto un'infarto pensando fosse suo...poi ho collegato le sinapsi :-) )
Ultimo consiglio... Resistete. Resistete, una volta corretto il problema allatterete con successo e diventerà solo un grande piacere, io ero arrivata a piangere dal male e proprio il giorno in cui mi ero detta " basta, non c'è la faccio più, smetto" ho trovato il problema e ho cominciato da subito a stare meglio. Se l'attacco é giusto non sentite male, neanche un pochino quindi se lo sentite c'è qualcosa che non quadra.
Un'altro problemino che può succedere è l'ingorgo: praticamente si intoppa un dotto lattifero.
Unica soluzione, semplice ed economica, attaccate più spesso il bambino a quel seno, lui solo vi aiuterà a sbloccare la situazione; aiutatelo riscaldando il seno con una borsa dell'acqua calda prima della  poppata . Se dovesse persistere, peggiorare o venirvi la febbre non é ingorgo ma mastite e dovete rivolgervi ad un medico.
Cercate di allattare spesso ( massimo ogni 4 ore ) e se il bimbo salta una poppata tiratelo con un tiralatte, io facendo la "gnorri" dato che Max non me ne chiedeva più di notte non l'ho tirato e mi é calato drasticamente; da li ho dovuto cominciare il latte artificiale quindi occhio, se volete allattare per molto tempo non fate la cazzata che ho fatto io.
Se vi calasse il latte non é tutto perduto, potete provare a sollecitare nuovamente la produzione con:
-Un integratore che se non ricordo male si chiama lattoplus o qualcosa del genere
-Bevete molto di più del solito, anche 3 litri d'acqua al giorno, ricordate che un modo x farsi andare via il latte é bere il meno possibile quindi...
-Ovviamente attaccate più spesso il bimbo, certo lo richiederà lui stesso ma se così non fosse provate a tirarlo con il tiralatte 
Direi che vi ho detto più o meno tutto, se avete domande sono qui.

A presto
Federica



LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...